Recidivante Remittente (SMRR)

La sclerosi multipla a ricadute e remissioni o recidivante-remittente (SM-RR) è definita da attacchi ben definiti che si risolvono completamente o parzialmente. La maggior parte delle persone con SM-RR vengono diagnosticati tra i 20 ei 30 anni (anche se può verificarsi durante l’infanzia o in età adulta).

Essa è la forma piú comune di SM. Nei pazienti con SMRR la malattia si manifesta con episodi (recidive o ricadute) che alterano le funzioni neurologiche. Le ricadute sono seguite da recupero funzionale parziale o totale e da un periodo di relativa stabilità (remissione) fino all’episodio successivo. I periodi di remissione hanno durata variabile da persona a persona; in genere all’inizio sono molto lunghi.

La sclerosi multipla può però essere attiva anche in assenza di segni o sintomi specifici, anche per anni. Questo è il motivo per cui la diagnosi può essere tardiva. I sintomi che si possono presentare di volta in volta sono estremamente variabili, tra i più frequentemente riportati vi sono per esempio problemi alla vista, spasticità o rigidità, problemi intestinali e della vescica.

ms_disease-course_rrms

Dal 50% al 75% dei soggetti con forma recidivante-remittente dopo un periodo variabile di circa 10 anni (variabile da individuo a individuo) passa a una forma di SM secondariamente progressiva. In questa forma le ricadute non sono seguite da remissione completa e la disabilità progredisce anche tra un attacco e l’altro.

progressiva2