Cari amici,
come sapete Marzo è notoriamente l’MS Awareness Month, e prima che il mese si concluda oggi vi voglio parlare dello stress e di come quest’ultimo giochi un ruolo importante nella sclerosi multipla (SM).
Chi ha una qualsiasi malattia cronica è destinato ad un aumento dei livelli di stress e la SM non fa sicuramente eccezione. Tuttavia, è più probabile che lo stress possa esacerbare i sintomi della SM e portare ad una riacutizzazione della malattia, o ricaduta.

stress

Tutti sappiamo che è impossibile vivere una vita senza essere per alcun motivo stressati. Del resto, sarebbe troppo bello per essere vero; è importante, però, che i pazienti affetti da SM cerchino di evitare con particolare attenzione tutto ciò che possa innescare stress o ansia, il più possibile. E’ importante dunque che i malati SM seguano delle buone abitudini di vita che possono aiutare a gestire e ridurre lo stress.

Se vi sentite mprovvisamente tristi, arrabbiati, ansiosi o più stanchi del normale, siete probabilmente affetti da stress. Affrontare lo stress e adottare misure positive per ridurre gli eventi stressanti andrà a beneficio della vostra salute fisica ed emotiva complessiva. (Fonte: WebMD) La comparsa di alterazioni del tono dell’umore e di altre patologie psichiatriche nella persona con sclerosi multipla, infatti, può essere favorita dal sovrapporsi di una condizione di stress. Con il termine inglese di stress si indica un’insieme di reazioni di adattamento, del fisico e della mente, con le quali l’organismo reagisce alle sollecitazioni che riceve dall’ambiente che lo circonda. Tali sollecitazioni si definiscono eventi stressanti. Gli eventi stressanti possono essere positivi oppure negativi: una grande gioia infatti può essere considerata, per esempio, un evento stressante, ma sopratutto quelli negativi, possono indurre nell’organismo alterazioni della funzionalità dell’individuo ed anche eventuali danni organici. In una persona che già sostiene il peso di una malattia come la sclerosi multipla, eventi stressanti, come la perdita del lavoro o la separazione da una persona cara, con lo stress che ne consegue, possono diventare decisivi nel determinare la comparsa di problemi psicologici o psichiatrici.

stress_feature

Quando si ha una malattia cronica, lo stress non solo si aggiunge al “normale” carico di problemi di tutti i giorni, ma spesso può esacerbare i sintomi della condizione. Anche se non siamo in grado di evitare del tutto lo stress, ci sono modi che aiutano noi stessi a rilassarci di più e a non lasciare che gli eventi della vita ci taglino fuori dalla stessa. Fra i supporti che si possono fornire ai malati, c’è l’insegnamento di tecniche che permettono di fronteggiare e gestire lo stress, allo scopo di evitare che esso sviluppi i suoi effetti negativi, o almeno di limitarne l’impatto.

Riposarsi, per esempio, è un ottimo modo per cercare di ridurre lo stress. Se siete ben riposati, sarete meglio preparati a gestire situazioni difficili. Ad esempio, se sapete di dover affrontare una situazione potenzialmente stressante, è meglio che pianifichiate l’evento: ciò potrà aiutare a ridurre il vostro stress. E non abbiate paura poi di rifiutare inviti a eventi che possono far aumentare le vostre ansie facendovi sentire a disagio.

Nella lista che segue vi sono alcune indicazioni su come fronteggiare meglio lo stress.

Preoccupati meno

La maggior parte di noi è incline a preoccuparsi di varie cose, alcuni più di altri. Spesso ci troviamo a preoccuparci di cose di cui non abbiamo alcun controllo, o ci preoccuppiamo riguardo fatti che potrebbero andare male. Provate a guardare le cose in modo più positivo; invece di immaginare fatti che potrebbero andare male, pensate a tutte le cose che potrebbero andare bene. Se una situazione è fuori dal vostro controllo, cercate di non pensarci fino a quando non arriva alla sua naturale conclusione. Quando la preoccupazione per una situazione occupa la vostra mente, provate a distrarvi anche solo per un breve periodo. 

mind-full-mindful-1

Conoscere i propri limiti

Saremo incredibilmente stressati se tentiamo di fare cose che non possiamo effettivamente realizzare o troviamo molto difficili da portare a termine. E’ meglio concentrarsi sulle cose che si possono fare e farle bene. Siate orgogliosi delle vostre realizzazioni e allo stesso modo, anche se non si ottiene quello che ci si è prefissi di fare, cercate di essere positivi su quello che avete compiuto.

Perdonate voi stessi

Abbiamo fatto tutti delle cose in passato di cui non andiamo fieri o che ci dispiacciono. Tuttavia, esse costituiscono il nostro passato e preoccuparsi di loro nel presente o per il futuro non è utile a nessuno. Perdonate voi stessi per gli errori compiuti e andate avanti. Sapete che non rifarete lo stesso errore ed è inutile pensarci ora.

Stimolate la vostra mente

Spesso facciamo pensieri negativi e ripetitivi quando non abbiamo altro su cui concentrarci. Un nuovo hobby può agire come una grande distrazione. E’ infatti un ottimo modo per rilassarsi e trascorrere del tempo facendo qualcosa che ci piace e ci rilassa la mente.

Ogni tanto fa bene dire “no”

La famiglia e gli amici veri accetteranno se vi sentite troppo malati o stanchi per fare qualcosa, e per loro non avrà una grande importanza se dovrete annullare un evento pianificato o semplicemente stare insieme. Se non ci si sente bene, va bene dire di no; non fatevi mettere sotto pressione per qualcosa che non potete fare.

Esercizio fisico

L’esercizio fisico quotidiano è di grande aiuto per il corpo, ma è anche un bene per l’anima. Infatti, ci sono cose che piacciono molto al nostro cervello. Una di queste sono le endorfine, sostanze chimiche prodotte dal cervello e dotate di una potente attività analgesica ed eccitante. Il rilascio delle endorfine in circolo avviene in particolari circostanze tra le quali un ruolo particolare è svolto dall’attività fisica, ma anche durante terapie analgesiche come l’agopuntura, l’elettrostimolazione e il massaggio sportivo. Scegliete un allenamento che vi piace (altrimenti è controproducente) e che sta entro i vostri limiti fisici. Impostate prima dei piccoli obiettivi che vi aiuteranno a rafforzare gradualmente il vostro corpo e vi daranno un senso di realizzazione personale quando li raggiungerete. All’esercizio fisico poi alternate anche un rilassamento, facendo qualcosa di calmo e tranquillo come l’ascolto di musica, pittura, yoga o una passeggiata.
Tutto ciò che vi aiuterà a dimenticare  i pensieri negativi e le vostre preoccupazioni almeno per un po’.

E voi cosa ne pensate? Cosa fate quando i pensieri negativi non vi lasciano tranquilli?
A presto 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s