Cari lettori,
anche oggi torniamo a parlare delle cellule T con una ulteriore ricerca molto interessante.
Un team di scienziati ha recentemente identificato un recettore che promuove la crescita del danneggiamento delle cellule T del sistema immunitario nel cervello di un modello murino di sclerosi multipla umana (SM).

Lo studio, dal titolo “EBI2 is highly expressed in multiple sclerosis lesions and promotes early CNS migration of encephalitogenic CD4 T cells,” ovvero “EBI2 è altamente espresso nelle lesioni della sclerosi multipla e promuove la migrazione precoce del sistema nervoso centrale delle cellule T CD4 encefalitogeniche,” è apparso nelle rivista scientifica Cell Reports.

shutterstock_465158438-1000x480

Nella SM, le cellule T infiammatorie, un gruppo chiave di cellule del sistema immunitario, attraversa la barriera emato-encefalica per penetrare il cervello e attaccare il sistema nervoso centrale (SNC).

La comprensione dei meccanismi che permettono la penetrazione delle cellule T nella barriera emato-encefalica è di fondamentale importanza per lo sviluppo di nuove terapie per la SM.

Ora, i ricercatori della University Medical Center di Mainz in Germania hanno scoperto che una proteina sulla superficie delle cellule T, chiamata EBI2, è fondamentale per questa penetrazione. EBI2 funziona come un recettore per un’altra proteina, un ligando noto come 7α, 25-dihydroxycholesterol. Gli scienziati hanno scoperto che l’espressione di EBI2 nelle cellule T facilita il loro ingresso nel cervello. Con concentrazioni crescenti di EBI2 e del suo ligando, altre cellule T penetrano la barriera emato-encefalica, danneggiando il cervello.

MBP-7D2-Chi-NFL-2

Infatti, i ricercatori hanno osservato che le cellule T che esprimono più alte concentrazioni di EBI2 erano accumulate nelle aree cerebrali infiammate dei pazienti affetti da SM.

“Questi dati ci hanno permesso di concludere che negli esseri umani, il recettore e una elevata concentrazione del ligando promuove l’infiltrazione delle cellule T nel cervello e quindi lo sviluppo delle malattie del sistema nervoso centrale:” ciò è quanto ha affermato in un comunicato stampa Florian Wanke, che è il principale responsabile della ricerca sperimentale del team.

Per studiare gli effetti dei recettori EBI2, i ricercatori hanno utilizzato topi con encefalomielite autoimmune sperimentale, un modello animale stabilito per lo studio della sclerosi multipla umana. In primo luogo hanno osservato che la produzione del ligando, tramite una classe di proteine chiamate enzimi, ha un picco nel SNC durante l’infiammazione.

“Maggiore è il numero di questi enzimi attivi, maggiore è il numero di ligandi che sono in grado di incanalare le cellule T attraverso la barriera emato-encefalica”, ha spiegato Florian Kurschus, autore principale dello studio. “Così siamo stati in grado di concludere quanto effettivamente un accresciuto numero di ligandi viene prodotto nel tessuto del sistema nervoso centrale infiammato.”

Il recettore EBI2 appartiene ad una classe specifica di recettori, i recettori accoppiati a proteine G, per il quale esistono già terapie mirate. I recettori accoppiati alle proteine G (o GPCR) sono una famiglia di recettori biologici che comprende i recettori colinergici muscarinici, i recettori adrenergici, dopaminergici, serotoninergici, i recettori cannabinoidi e i recettori degli oppiacei e delle purine.

“Diversi potenziali approcci terapeutici per EBI2 sono già stati descritti, e abbiamo intenzione di esplorare la loro efficacia in futuri esperimenti in modelli di SM”, ha detto Kurschus. “Oltre ala SM, questo recettore può anche svolgere un ruolo in altre malattie autoimmuni. Questo perché EBI2 è prodotto da cellule particolarmente pericolose conosciute come cellule Th17, che sono un sottogruppo specifico delle cellule T helper “.

Fonti

https://it.wikipedia.org/wiki/Recettori_accoppiati_a_proteine_G

https://multiplesclerosisnewstoday.com/2017/03/20/ebi2-receptor-facilitates-t-cell-invasion-brain-ms-animal-study-shows/

http://www.cell.com/cell-reports/abstract/S2211-1247(17)30057-8?_returnURL=http%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS2211124717300578%3Fshowall%3Dtrue

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s