Ciao amici,
Vi presento un video diverso da quelli che ho fatto finora. Sarà infatti un racconto: il racconto, della mia esperienza a Roma in occasione del convegno Aism, giovani oltre la SM. Volevo condividere con voi i miei pensieri con la mia voce e le immagini che ho ripreso con la mia telecamera.

E’ stato il primo grande convegno Aism a cui ho partecipato, ma sapevo già che avrei incontrato tante persone meravigliose con cui giornalmente ‘trascorro’ molto tempo, seppur solo nella virtualità.

Nella vita a volte succedono cose straordinarie, avvenimenti per i quali cominciamo a pensare che tutto quello che viviamo nei nostri mondi personali piu o meno lontani, abbia un senso. Eventi che fanno la differenza, anche se non verranno narrati nei libri o nei film. Nella vita, infatti, possono capitare incontri con qualcuno con il quale e’ possibile entrare immediatamente in sintonia. è stato proprio cosi per me: una grande emozione, finalmente associare un viso e un corpo reale a tanti di voi. Il convegno per me è stato principalmente questo: una bellissima occasione. L’occasione per incontrare in un colpo solo tanta bella gente, tanti giovani, tante persone che se non fosse per questa “brutta bestia” non avrei mai conosciuto.

La sclerosi multipla è anche questo. È una terribile malattia, molto imprevedibile. In questi giorni è stata definita un vaso che un giorno casca di botto sulla testa mentre si cammina tranquilli per la via. Ed è proprio così: una malattia che cambia, anche tanto, cambia nel male ma anche nel bene, e che nella sua grande imprevedibilità ci ha fatto incontrare. E in questi due giorni abbiamo trascorso tanti momenti divertenti insieme che certamente non dimenticheremo mai.

Abbiamo chiacchierato delle nostre vite, abbiamo riso, ci siamo confrontati. Ho avuto modo di sentirmi a casa con il gruppo dei ragazzi sardi. Abbiamo festeggiato, ballato e ascoltato le parole dei ricercatori e dei neurologi.

E poi ci siamo salutati e quello è stato il momento piu triste… Quando è arrivato il momento dei saluti, sapevo gia quanto sarà difficile rincontrarsi, ma è proprio per questo che questa esperienza mi è parsa ancora più bella. Proprio per questo non dimenticherò nessuno dei vostri visi e la mia mente sarà portata inevitabilmente a chiedermi come state.

E ora non mi resta che invitarvi tutti a vedere questo breve video che ho realizzato oggi, stanca ma felice, in attesa di rivedervi ancora.

Ci sono anime che esistono per conoscersi e finiranno per farlo. Perché le anime consapevoli sanno aspettarsi, riconoscersi e comunicare. Capita raramente, ma quando succede, inizia una sorta di misteriosa “connessione”. Le anime affini si parlano anche da lontano. Si sentono sempre vicine. (Agostino Degas)

One thought

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s