La trasparente acqua cristallina del misterioso lago di Shere, in Inghilterra attira centinaia di visitatori tutto l’anno. Le acque così eccezionalmente limpide sono filtrate attraverso una vecchia cava di gesso. Il lago di Shere ha costituito una preziosa fonte di acqua pulita per molte centinaia di anni. La fauna nell’area circostante è  eccezionale e varia; acquatica e non.

Tuttavia, il “Lago Silenzioso” (Silent Pool) vanta un passato orribile che coinvolge una leggenda sassone e diverse sparizioni. Oltre ad essere un luogo di frequenti suicidi…

silent
Silent Pool, @PollyJoke Photo

La Signora del Lago

La prima testimonianza su questo misterioso lago proviene da una leggenda sassone risalente al 1200 circa. Emma, la giovane e bellissima figlia di un taglialegna viveva nella foresta con la sua famiglia; un giorno scese per le acque a fare il bagno. Mentre stava in acqua, la giovane fu sorpresa dal trambusto di un cavaliere in corsa sul suo agile cavallo, il quale in tutta fretta si dirigeva proprio verso il lago. Lei non ebbe il tempo di tornare sulla sponda delle acque per andare a prendere i suoi vestiti e mantenere così la sua modestia. Pertanto decise di nuotare più in profondità per nascondere il suo corpo nudo. Tuttavia, l’acqua era cristallina e lo straniero a cavallo era affascinato dal suo bel corpo nudo. L’uomo cercò di convincere la fanciulla ad uscire dall’acqua, ma la paura di lei crebbe! La giovane, così, trattenendo il respiro decise di nuotare ancora più in profondità nel lago dove, non essendo più in grado di nuotare, lentamente annegò. Il cavaliere misterioso, non vedendola, se ne andò nella foresta.

Secondo la leggenda, il cavaliere protagonista di questa triste storia era il famoso principe Giovanni, l’impopolare e non ufficiale Reggente dell’Inghilterra che governò il paese in assenza del fratello molto più popolare: il Re Riccardo.

È ampiamente noto che il fantasma della fanciulla può essere osservato di notte, mentre galleggia nelle nebbie sopra la superficie del lago. Altri dicono che qui si possono ancora udire urla e grida di aiuto …

Nell’Inghilterra vittoriana, il lago di Silent Pool divenne una popolare attrazione per tanti visitatori ed era anche un luogo di interesse generale. E’ stato proprio durante questo periodo che Martin Tupper, un uomo che viveva nella vicina Albury scrisse e rese popolare la leggenda della figlia del boscaiolo condannata a vagare per sempre in queste acque. Prima di allora, non era altro che una leggenda locale; ora è una storia ben conosciuta in tutta l’Inghilterra e continua ad attirare l’interesse di migliaia di persone ancora oggi.

emma
Emma, la figlia del boscaiolo nel libro di Tupper, si fa il bagno nelle acque di Silent Pool mentre Re Giovanni col suo destriero si intravede in mezzo agli alberi sullo sfondo. 

La scomparsa di Agatha Christie

È interessante notare che, nel 1926 Agatha Christie utilizzò Silent Pool come “set” per mettere in scena la sua stessa leggenda. Infatti, quando era già una famosa scrittrice, specializzata in romanzi gialli e thriller, attirò l’attenzione internazionale quando si diffuse la notizia che lei stessa fosse stata assassinata.

Dopo un drammatico litigio con il marito di allora, Archibald Christie, il quale annunciò l’intenzione di volerla lasciare per un’altra donna, Agatha chiamò freneticamente il Dipartimento di Polizia del Surrey,  informando gli agenti che la sua vita era in pericolo. In seguito lasciò la sua abitazione, si mise in viaggio con la sua macchina lasciando il giovane figlio a casa a letto a dormire. La sua auto fu ritrovata nei pressi di Silent Pool. Era stata lasciata nel parcheggio vicino al lago coi fari accesi, e al suo interno vi era una borsa con dei vestiti ed il tetto ricoperto di un spesso strato di ghiaccio formatosi durante quella gelida notte d’inverno. Era il 3 dicembre del 1926.
La Polizia lanciò un comunicato: “E’ scomparsa dalla propria casa Styles, situata a Sunningdale, nel Berkshire, Mrs Agatha Christie, moglie del colonnello Christie, di 35 anni, alta 5 piedi e 7 pollici, capelli biondo cenere tagliati corti, occhi grigi, carnagione chiara, robusta, vestita con una gonna di maglia grigia, un maglione verde, un cardigan grigio scuro, un piccolo cappello di feltro verde, con un anello d’oro con una perla. E’ partita da casa con una Morris Cowley alle 9,45 di venerdì sera, lasciando un biglietto in cui diceva di andare a fare una gita in auto. La mattina seguente la macchina è stata trovata abbandonata a Newlands Corner”.

Nel fine settimana che seguì la scomparsa di Agatha Christie, cominciò una ricerca di proporzioni enormi che impiegò più di 15.000 persone tra poliziotti e membri del pubblico generale che si unirono nella ricerca come volontari. Il primo indiziato fu Archie Christie che da subito fu l’unico sospettato plausibile dell’omicidio. Archie fu interrogato diverse volte e la sua parola fu fortemente messa in dubbio. Con gran sorpresa, però, Agata fu ritrovata undici giorni dopo. Dov’era? Si era registrata con il nome di Teresa Neele (cognome dell’amante del marito) presso un albergo di Harrogate, nota località termale inglese, dove il marito avrebbe dovuto passare il weekend con l’amante. La giustificazione data ufficialmente alla stampa da parte del marito fu quella dell’amnesia dovuta alla recente perdita della madre, alla quale la scrittrice era molto legata. Chi avrebbe voluto punire, invece, la Christie con il suo gesto? Suo marito, che le aveva dichiarato di essersi innamorato di Nancy Neele – una relazione nata sui campi di golf nei momenti in cui lei restava in casa a scrivere.

E’ certo che Agatha Christie soffrì per tutta la vita dal tumulto emotivo causato dalla relazione col marito. Ciò che non è chiaro fino in fondo, però, è il motivo della sua temporanea scomparsa. Era stata una breve trovata pubblicitaria per attirare su di sè l’attenzione della stampa e vendicarsi del suo infedele marito? O Agatha soffriva davvero di un’amnesia causata dal grande stress emotivo dopo la scoperta di essere stata tradita dal marito? Infine, potrebbe essere possibile che Agatha Christie stesse in realtà pianificando la scena del suo stesso omicidio, in modo tale che il marito fosse poi accusato del crimine? Del resto, il modo in cui abbondonò la sua macchina e collegò la sua scomparsa ad un luogo notoriamente misterioso è quanto meno poetico. E considerando che questo fosse stato il suo vero intento, Agatha sarebbe semplicemente scomparsa, consentendo al suo grande pubblico di assimilare il lutto mentre lei viveva in clandestinità? O si sarebbe veramente suicidata, soprattutto a causa dell’angoscia causata dal marito Archie?

Qualunque sia la vera storia, questo evento ha agito come un punto di svolta nella carriera di Christie. Anche se non ne parlò mai pubblicamente, la sua scomparsa fece aumentare considerevolmente la notorietà della scrittrice e la spinse ad un nuovo livello di fama.

Strani rituali e culti

Molti antropologi e storici ritengono che Silent Pool sia stato un luogo di particolare interesse per i popoli del Neolitico. Infatti, le sorgenti naturali sono state spesso utilizzate durante particolari riti e come luoghi di offerta. I cultisti potrebbero aver lasciato offerte e omaggi alle loro divinità immergendosi nelle profondità del lago. Per sapere con certezza quali rituali venivano praticati, bisognerebbe raggiungere il fondale di questo lago apparentemente senza fondo. Purtroppo, il sito sarebbe estremamente difficile da scavare senza causare danni permanenti al lago, al suo habitat e alla sua incantevole fauna selvatica. Ci si deve limitare dunque ad aggiungere questa località ai tanti misteri che circondano questa terra così strana e unica.

Per saperne di più: https://naturanaute.com/2012/12/16/a-pool-of-mystery/

 __________________________________________________________

Glass-like water meets visitors to the Silent Pool in Shere, England. Attracting visitors year round, the crystal clear waters are accredited to the water having been filtered through an old chalk mine. This would have been a precious source of clean water for many hundreds of years. The wildlife to this day, is exceptional and varied; both aquatic and otherwise.

However, the Silent Pool boasts a gruesome past involving Saxon legend and disappearances. As well as being a frequent suicide spot.

The Lady of the Lake

The earliest knowledge of the Silent Pool is from a Saxon legend dating back from the 1200s. A beautiful young woodcutter’s daughter lived in the forest with her family and went down to the waters to bathe one day. Whilst in the water, she was startled by the sound of a rider on horseback racing quickly towards the pool. She did not have the time to go back to the waters edge to fetch her clothes and maintain her modesty, so she quickly waded deeper into the water to cover up her naked body. However, the water is crystal clear and the stranger on horseback was captivated by her beautiful nude body. The man tried to persuade the maiden to get out of the water but she became more frightened! The young lady ventured further away and deeper into the lake where, being unable to swim, she drowned. The mysterious horseman rode away into the forest.

According to legend, the horseman in this incident was Prince John himself. The unpopular and unofficial Regent of England ruled over the country in the absence of his much more popular brother; King Richard.

madness-ophelia.jpg

It is widely understood that the ghost of the young maiden can be observed at night, floating oddly in the mists above the surface of the lake. Others say that you can still hear here screams and cries for help…

In Victorian England, the Silent Pool became a popular visitors attraction and a general place of interest. It was during this time that Martin Tupper, a local man from nearby Albury wrote and popularised the legend of the woodcutters daughter who was damned in the pool. Before then, it was nothing but local legend but now it is a well known story throughout England and continues to attract interest to this day.

The Disappearance of Agatha Christie

Interestingly enough, in 1926 Agatha Christie used the Silent Pool as a setting to stage her very own legend. Already a famous author, specialising in crime novels and thrillers, she attracted international attention when it seemed that she herself had been murdered.

After a vicious row with her then husband, Archie Christie, he announced that he was in fact leaving her for another woman. Agatha then called the Surrey police department, frantically informing them that her life was in danger! She then left her house, taking her car and leaving her young child at home in bed sleeping. Her car was quickly found at the Silent Pool’s car park. It had it’s headlights left on, contained a bag of clothes and it was covered in frost from a cold winter night. Over the weekend following Agatha Christie’s disappearance, a huge police hunt was carried out and over 15,000 members of the public joined in the search as volunteers. It became clear that Archie Christie was the only plausible murder suspect and he was vigorously questioned, and suspected without doubt. Agatha was found a week later at the Hydro Hotel in Harrogate claiming that she had had amnesia. She was identified by a fan who recognised her although she was using a false name at this time.

missing_7

Agatha Christie suffered throughout her life from emotional turmoil and it is unclear what the motive of her temporary disappearance was. Was it a brief publicity stunt intended to seek attention and get revenge on her cheating husband? Or was Agatha really suffering from amnesia brought on by the acute emotional stress of uncovering her husbands infidelity? Lastly, it could also be possible that Agatha Christie was in fact attempting to stage her own murder and frame her husband for the crime. The way she abandoned her car and linked her disappearance to a famously mysterious place was poetic. But would she have simply disappeared – allowing the public to mourn her whilst she lived in hiding. Or was she genuinely suicidal, mostly due to the anguish caused by her husband Archie?

Whatever the true story, this event acted as a turning point in Christie’s career. Although she never talked about it publicly, her disappearance earned her notoriety and propelled her to a new level of fame.

Strange Rituals and Worship

Many anthropologists and historians believe that the Silent Pool must have been a site of particular significance for Neolithic peoples. Sites of natural springs were often used during particular rituals and as offering sites. Worshippers may have left offerings and tributes to their gods by submerging them into the depths of the pool. What wonders may await those who can reach the bottom of this seemingly bottomless water? Unfortunately the site would be extremely hard to excavate without causing permanent damage to the lake, its habitat and its wildlife. However, it merely adds to the many mysteries surrounding this strange and unique landmark.

Copyrighted.com Registered & Protected  XIQL-ZRQE-ZTOD-CRO4

Addendum 7th of August 2016:

Un breve filmato girato a Dorking e Silent Pool per mostrarvi da vicino la bellezza di questi suggestivi luoghi in un bellissima giornata di sole! Buona visione!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s