“Ciao” – una voce dentro di me. So che non sono pazza per cui assecondo la mia vena creativa, la mia vera coscienza. E’ il mio momento, solo mio. Il mondo è fuori ed aspetta. Continuerà ad aspettarmi per lungo tempo, ma io intanto resto qui ferma affacciata a questa finestra bianca come la mia anima di fronte alla crudeltà di un mondo senza integrità. Le crepe sul muro sono come i giorni neri vissuti in questi luoghi aspettando. Gli alberi di fronte a me, ora spogli, sono come note musicali provenienti da un passato dolce e malinconico. Non piove più finalmente. La tempesta è finita.
Dio non piange, eppure tutti attendono il prossimo diluvio.

La quiete PRIMA della tempesta.

La coscienza, questa sconosciuta che non ascoltiamo. E’ da tanto tempo che cerca di farsi sentire. E’ da tanto tempo che mi da dei segnali come in un loop di ricordi, di attimi, ma poi perché fermarsi a perdere tempo in questo mondo dove tutto corre e sfuma?
Bè ora non cercare di strapparti gli occhi per non vederlo, perché è lì! puoi toccarlo! E’ nelle parole della gente che non capisce, è nella mancanza di integrità di alcune persone, è nella superficialità delle vetrine, è nella falsità delle televisioni, è nella mancanza di contenuti di chi si fa capo e padrone, è nell’ingarbugliata società fatta di regole da non seguire ma che seguiamo sempre, puntualmente.

Così proviamo a non pensare a quello che non va, ci copriamo di bugie, ci circondiamo di persone che ci sembrano perfette per noi, ci illudiamo che leggere tristi storie sia da sfigati e che il nostro piccolo centimetro nel mondo sia il migliore. Ci costruiamo una realtà fatta di concetti soggettivi quali “bellezza”, “allegria”, “tristezza”, “perfezione”, in cui questo sembra il modo migliore di combattere ciò che non ci piace, perdiamo tempo nell’illusione di fare ciò che meglio ci realizzerà e poi ci ritroviamo seduti su una scrivania a condividere idiozie col mondo per sembrare più cool, più piacevoli. E quando ci rendiamo conto di ciò, ormai abbiamo finito di combattere constatando di odiare ancora di più!

Questa è la storia, la mia, di una bambina che voleva diventare una scienziata bohémienne, con una passione sfrenata per la scrittura, che si perdeva nelle pagine di cento diari e nell’immagine di una natura piena di segreti, nell’abbracciare un albero, nell’osservare una goccia di cielo. Poi adolescente spettinata in crisi ideologiche da adulti, sempre dalla parte delle minoranze, sempre col sorriso sulla bocca, sempre sui libri per cambiare qualcosa. Poi adulta in partenza dopo cento problemi per realizzarsi tralasciando un passato costituito di dolori. Ed infine impiegata 9 to 5 di fronte ad una scrivania, senza poi tante magie, e neppure tante scoperte e senza neanche tanta immaginazione…

Eppure ancora ho dentro il fuoco di chi può far qualcosa per cambiare, di chi può trovare la perfezione anche nell’imperfetto, la verità nel falso, il piacere nel dolore, la conoscenza nell’ignoranza, l’amore nell’odio.

E senza dubbio mi ritroverò ancora, come adesso, sulla mia stessa ombra scura col sorriso sulle labbra, a guardarmi le mani che scorrono sulla tastiera mentre scrivo immaginando di rivedere la notte come quando ero una bambina…

E di nuovo dalla finestra vedo una via stretta lungo un canale alberato e nuove persone con nuove vite… Forse pioverà…
Potrò immaginare altre cento vite e altre cento storie da qui… così per sempre fino a che vivrò, ovunque io sia…

Tu lo sai…sarà sempre così…  

Copyrighted.com Registered & Protected  XIQL-ZRQE-ZTOD-CRO4

One thought

  1. leggere i pensieri che condividi sulla rete porta a riflettere su questo mondo, a ragionare sulla superficialità delle cose e fa vibrare l’anima. Ti seguo anche sulla rubrica Live in UK, ma qui dai il meglio. Continua a scrivere con la stessa passione.Sorrisi a te!

    Liked by 1 person

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s